lunedì 14 marzo 2011

Anti-nuclearisti o astuti egoisti?

Otto ragioni per passare al nucleare anche in Italia (gli altri Paesi industrializzati del mondo ci hanno già pensato da anni).

1. Černobyl era un impianto vecchissimo, realizzato al risparmio e senza alcun rispetto per la sicurezza da un regime brutale e totalitario. Non aveva nemmeno una camera di contenimento per il nucleo. Qualunque cosa fuoriuscisse da lì, arrivava indisturbata nell'atmosfera.

2. Nonostante un terremoto quasi senza precedenti nella storia recente, un sisma che ha avvicinato l'intera isola di Honshu (la più grande dell'arcipelago giapponese) di 2,5 metri alla Cina e spostato l'asse terrestre di 10 cm, con un conseguente, devastante tsunami, la centrale nucleare di Fukushima, che è tra gli impianti più vecchi in funzione in Giappone (è degli Anni '70, progettata sulla base di tecnologie degli Anni '60), sinora ha retto, senza causare alcun disastro ecologico né la fusione del nucleo di uno dei suoi quattro reattori. Gli altri impianti sulla costa orientale, la più colpita, hanno subito danni minori o sono semplicemente rimasti in funzione.

3. Oltre i nostri confini, ci sono ben quattro centrali nucleari, due in Francia, una in Svizzera ed una in Slovenia, che lavorano a pieno ritmo per vendere - a caro prezzo - energia nucleare a noi. Le fonti "alternative" e quelle "rinnovabili" non sono ancora pronte per sostituire completamente quelle tradizionali e richiedono ancora ingenti risorse da investire in ricerca. Acquistare energia nucleare dall'estero a costi elevati sottrae risorse alla ricerca sulle fonti alternative o rinnovabili e non ci libera affatto dai rischi di incidenti (il cesio radioattivo non si ferma alla dogana). A tal proposito, scriveva Sergio Rizzo sul Corriere della Sera del 14 Marzo, con riferimento al referendum anti-nucleare italiano del 1987: «Promisero che mettendo al bando l'atomo avremmo imboccato la via dell'energia pulita: siamo invece diventati il Paese europeo più inquinante, più dipendente dagli sceicchi e con le bollette più care. Finché, dopo aver riempito le tasche dei petrolieri, ci si è accorti che la Germania [che ha il nucleare, ndr] produceva 70 volte più energia solare dell'Italia, rimasta penosamente al palo nel campo delle rinnovabili. E per recuperare terreno abbiamo concesso incentivi fin troppo generosi a chi le produceva. Salvo poi chiudere i rubinetti dalla sera alla mattina.»

4. Per quanto sia bello crederci, non si può ancora coprire il fabbisogno energetico di un Paese industrializzato con le sole fonti alternative o rinnovabili: quando ciò sarà possibile, saremo tutti felici di buttare a mare i progetti per il nucleare, ma per adesso la parte più importante dell'energia, se si rinuncia la nucleare, si deve ottenere ancora bruciando petrolio, carbon fossile o gas naturale. Ad oggi, l'unico incidente nucleare di rilievo è stato quello di Černobyl che, infatti, viene ripetuto come un mantra. Non si contano più, invece, le catastrofi ecologiche immani causate quasi ogni anno da incidenti collegati allo sfruttamento di altre fonti tradizionali, come idrocarburi e carbone.

5. Nel calcolo del costo per Kw/h derivante dal nucleare, ci si preoccupa (giustamente!) di contabilizzare adeguatamente le esternalità negative come i costi di smaltimento delle scorie. Peccato solo che non si prendano in alcuna considerazione i costi immani prodotti dall'inquinamento derivante dai processi di estrazione, trasporto e pre-trattamento degli idrocarburi. Si scoprirebbe, allora, che il costo per Kw/h da fonti tradizionali non nucleari andrebbe moltiplicato.

6. Stesso discorso per quel che riguarda il computo dei danni ambientali ed alla salute: nessuno prende in considerazione i danni alla salute delle popolazioni vicine ai siti di estrazione del petrolio o che vivono lungo gli oleodotti e/o gasdotti. Non sarà forse perché il petrolio inquina più l'ambiente di chi è  vicino ai siti di produzione, cioè il Terzo Mondo, e meno gli utilizzatori finali, cioè noi, mentre il nucleare fa l'esatto opposto? E' spirito ecologista o semplice egoismo?

7. Si fa un gran parlare di "ingenti interessi economici" della lobby pro-nucleare, per cui a nessuno viene in mente di verificare quelli della lobby anti-nucleare. Ad oggi tutte le più grandi compagnie petrolifere del mondo guadagnano cifre inimmaginabili, pari al prodotto interno lordo di diversi Paesi, dall'estrazione, trasporto e pre-trattamento degli idrocarburi. E' ovvio che le grandi compagnie stiano cercando di entrare anche nel business nucleare, ma siete sicuri che siano entusiaste di vedersi ridurre in pochi anni la domanda di idrocarburi? Né si pensa mai al valore economico di un business certo molto più piccolo, ma in crescita esponenziale: quello della costruzione ed installazione di impianti fotovoltaici ed eolici, come anche quello dei terreni idonei (sono impianti che, a parità di resa, richiedono molto più spazio), che fa felice chi possiede terreni non edificabili e non produttivi a livello agricolo. E, specie al Sud, sono in tanti. Va benissimo che si produca sempre più energia da fonti rinnovabili, per carità; ma siamo sicuri che gli anti-nuclearisti siano dei puri e che non abbiano mai alcun tornaconto economico? Proprio certi che dietro gli anti-nuclearisti ci sia solo amore frainteso per i fiorellini di campo?

8. Gli anti-nuclearisti rifiutano qualsiasi dibattito scientifico sereno chiesto loro dai pro-nuclearisti. Rifiutano persino di ammettere l'evidenza, cioè che ad oggi per produrre grandi quantità di energia, purtroppo, in qualche misura si deve inquinare. Ma soprattutto, paventando disastri nucleari come se fossero sempre dietro l'angolo e come se fossero il solo tipo di catastrofe ambientale possibile, si dimenticano di spiegare dove prendere OGGI (non fra cinquant'anni!) l'energia che ci serve e che non si riesce a produrre con le fonti alternative o rinnovabili. Semplicemente, evitano di rispondere alla domanda. Il loro è un "NO!" irrazionale e dogmatico, il punto di partenza di una campagna che punta essenzialmente a far nascere nel cuore della gente la paura, ed il motivo è chiaro: quando si ha paura, si smette di pensare.

Saluti,

(Rio)

PS. Un'ultima cosa: nonostante il terremoto della Madonna e lo tsunami,  in Giappone non ci pensano nemmeno a chiudere gli impianti nucleari che hanno costruito. Dite che saranno tutti meno intelligenti degli anti-nuclearisti italiani?  ;-)

1 commento:

  1. Fukushima, è incubo nucleare. A Tokyo sale livello delle radiazioni
    (Xinhua)(Xinhua)
    ultimo aggiornamento: 15 marzo, ore 21:32
    Tokyo - (Adnkronos/Ign) - Nuova esplosione nel reattore numero due della centrale. Il governo fa evacuare l'area nel raggio di 30 chilometri: ''Pericolo per la salute umana''. La nube raggiunge anche la capitale. Commissario Ue all'Energia: ''E' una apocalisse. La situazione è fuori controllo''. Ieri un dipendente di 23 anni è rimasto contaminato nel tentativo di raffreddare il reattore 2 (VIDEO).

    RispondiElimina